Teatro: “Diario di una Lolita al contrario – e dell’uomo che perse il sonno” di Monica Carelli a Moncalieri

Idranet

Uno spettacolo di Monica Carelli debutta il prossimo 11 marzo a Moncalieri (Torino); il titolo è "Diario di una Lolita al contrario - e dell'uomo che perse il sonno" e racconta dell'incontro di un uomo e una donna, e di due modi diversi di vedere l'amore.

Fotografia: serata con l’autore Francesco Gola a La Spezia

Idranet

L'Associazione Fotografica «Liberi di Vedere» al Centro Civico Sud del Comune della Spezia (via del Canaletto 90) propone una serata con l’autore Francesco Gola il prossimo venerdì 24 febbraio 2017 alle ore 21.00, con ingresso libero e gratuito.

Allied: l’ultimo film di Robert Zemeckis

Michele Canalini

"Alleati", così si presentano Brad Pitt e Marion Cotillard in quest'ultimo film di Robert Zemeckis. Alleati in guerra contro la Germania nazista e alleati in amore, perché il loro incontro a Casablanca per organizzare un attentato a un diplomatico tedesco sarà l'inizio della loro liaison. E non una cosa da poco, perché il divo americano che interpreta il comandante di aviazione canadese Max Vatan decide di sposare la francese Marianne Beauséjour (la Cotillard) e di portarsela con sé, per creare una famiglia con la quale passare il resto dei giorni serenamente e soprattutto, quando ci sarà, in pace. Poi, però, s'insinua il sospetto nella mente del protagonista perché i suoi superiori gli svelano che, molto probabilmente, la bella e avvenente ragazza di origini parigine altri non è che una spia al servizio del Führer. È vero? Tutto quello che c'è ...

La pelle dell’orso: la durezza della vita e la meraviglia della natura nel film di Marco Segato

Michele Canalini

La pelle dell’orso non è solo un trofeo di caccia né semplicemente un simbolo della fine della paura per una comunità assediata da questo animale. La pelle dell’orso è metafora della durezza della vita in montagna, specialmente se siamo negli anni Cinquanta e il paesaggio è quello bello ma aspro dello scenario dolomitico della val di Zoldo. Siamo nel Veneto di montagna, poco conosciuto dai turisti e tanto amato dai propri abitanti. Un paesaggio pericoloso come l’orso ma anche forte e morbido come la sua pelle, per chi vi abita. Questo racconta il bel film di Marco Segato, anche lui veneto ma padovano, con la partecipazione della comunità di tutto il bellunese, dal feltrino all’agordino, sino al ruolo principale, quello del cacciatore, interpretato da quel Marco Paolini, di Belluno, rinomato a livello nazionale soprattutto per il suo teatro civile, a ...