Britain's Got Talent: standing ovation per il giovane Liam McNally

Redazione
24 maggio 2010

Un quattordicenne ha debuttato ieri sera allo show, conquistando il plauso dei giudici e del pubblico di Britain’s Got Talent con la sua esibizione di “O Danny Boy”. Il cantante, figlio di un’infermiera e di un giornalaio, ha dichiarato ai presentatori Ant & Dec di non aver mai preso lezioni e che si diverte semplicemente a cantare in casa. Ha aggiunto: “Ho sempre sognato di cantare al Royal Variety Performance; mi piace quando mamma e papà mi dicono che canto bene, ma se fossero i giudici a dirlo, potrei anche credere nel mio sogno”. Puoi vedere il video dell’audizione su MTS Video.

Il padre dice di essere molto, molto orgoglioso di sentire il figlio cantare, mentre la mamma si chiede da chi avrà preso, visto che né lei, né il marito hanno una tale voce. Tutti i dubbi espressi sulla scelta del brano (veramente un po’ strana per la giovane età del cantante) sono svaniti durante l’esibizione: la sua voce cristallina ha impressionato veramente tutti, pubblico incluso, che ha regalato a Liam una standing ovation al termine del brano. Il ragazzo ha le idee chiare sulla sua potenziale vittoria e carriera da artista: come prima cosa vorrebbe aiutare la famiglia a pagare il mutuo della casa. Il giudice Simon Cowell, al momento delle critiche, ha creato un po’ di suspence, affermando: “Beh, Neil, non ti definirei un buon cantante… (pausa ad effetto)… Ti definirei un cantante fantastico! Quando canti hai il fuoco nello sguardo, hai emozioni. La tua esibizione è trascinante. Piers Morgan ha fatto notare che non ha le basi tecniche, avendo cantato solo nella sua cameretta, ma che è sicuramente un degno pretendente al premio di Britain’s Got Talent.

Tags: , , ,

Category: Senza categoria | RSS 2.0 | Give a Comment | trackback

No Comments

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

  • Idranet

    Informazione e cultura
    design arte musica cinema letteratura

  • CERCA

  • Pubblicità

    Sergio Chierici Movie Passion

  • CATEGORIE

  • ARCHIVI

  • Social

  • PARTNERS