Luna Crescente – sopra le macerie: una installazione di Delio Gennai a Monaco di Baviera

Idranet
19 aprile 2012

Luna Crescente – sopra le macerie è un’installazione di Delio Gennai creata appositamente per galleria Gedok Monaco di Baviera, nella quale l’artista rielabora un’ormai dimenticata testimonianza delle guerre turche del XVII secolo. Si tratta di uno stendardo ottomano, esposto per circa 200 anni nel Duomo Frauenkirche di Monaco di Baviera come simbolo della vittoria cristiana sugli Ottomani. La bandiera andò persa durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale e solo qualche foto ne documenta l’esposizione come trofeo di guerra nel Duomo.

Accanto alla leggendaria spada di Maometto, con la quale dapprima Maometto stesso poi più tardi anche il genero Alì ottenne le prime vittorie delle forze dell’Islam, il tema della mezzaluna (in arabo: Hilal) ha assunto con il tempo una posizione centrale negli stendardi islamici. Soprattutto sotto l’impero ottomano, la mezzaluna divenne il signum dell’Islam. Sotto il titolo “Luna crescente – sopra le macerie” Delio Gennai fa resuscitare virtualmente l’ormai scomparsa “bandiera turca” della Frauenkirche rimuovendo i simboli dello stendardo dal loro nesso originario e dirigendo l’attenzione dello spettatore su di essi.

Tramite la sua tecnica fatta di giochi di materialità, trasparenza e impenetrabilità, luci e ombre, l’artista stimola a riflettere sulle combinazioni e sulle contraddizioni dei simboli delle bandiere e sulle loro connotazioni politiche e storiche.
L’approccio artistico, informale e libero con i modelli dai quali nascono le opere, innalza il lavoro dell’artista al di là della semplice rappresentazione documentativa, invitando lo spettatore a riflettere ulteriormente sui simboli e sui loro significati.
In questo modo è fornito un ponte di riflessione sul presente, dominato dalla continua lotta per la libertà e per l’autodeterminazione, tema attuale e centrale nel mondo musulmano.

Che cos’è la libertà e chi può definire che cos’è luce e che cos’è ombra?
Per esplorare queste possibili interpretazioni, la mostra sarà accompagnata da “Tell us about the splittered flag”, un programma composto di tre brevi presentazioni. Oltre alla “biografia” dello stendardo e agli eventi storici correlati a esso, durante le tre serate verrà tracciato un percorso che metterà in evidenza la continuità storica dell’uso dei simboli islamici e della loro costante influenza sull’arte fino ai giorni nostri. Il programma si concluderà con la presentazione del film “Donne senza uomini” della regista iraniana Shirin Neshat.

Delio Gennai
L’artista pisano Delio Gennai studia e rielabora i motivi islamici presenti nei monumenti della sua città natale, dove vive e lavora. Il suo interesse si rivolge in particolar modo alle bandiere islamiche, un tempo esposte come trofei di vittoria sulla flotta ottomana nella chiesa di Santo Stefano di Pisa.
È soprattutto la “rappresentazione dimostrativa” di queste bandiere, in parte elaborate in modo estremamente fastoso, ad ispirare a Delio Gennai numerose delle sue opere, spingendo l’artista a confrontarsi intensamente con le strutture e i motivi.

La mostra fa parte del programma di scambio tra la galleria Gedok di Monaco di Baviera e lo Studio Gennai di Pisa.

LUNA CRESCENTE – sopra la macerie
HILAL – above the rubble

DELIO GENNAI

a cura di Marcus Pilz e Emily Barsi

Opening 25 aprile 2012 ore 19
Presentazione del Prof. Avinoam Shalem
Professore di arte islamica, Ludwig Maximilian University, Monaco di Baviera

Apertura al pubblico dal 26 aprile all’11 maggio 2012, da mercoledì a venerdì, ore 15-18.

Gedok München
Elisabethstr. 13 RG
80796 München

Category: Arte, Arte contemporanea, Esposizioni, Installazioni | RSS 2.0 | Give a Comment | trackback

No Comments

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

  • Idranet

    Informazione e cultura
    design arte musica cinema letteratura

  • CERCA

  • Pubblicità

    Sergio Chierici Movie Passion

  • CATEGORIE

  • ARCHIVI

  • Social

  • PARTNERS