Diventare produttori di cultura: crowdfunding per “Stoner. Landing Pages”

Michela Mori
31 maggio 2016

stoner1Il 15 giugno parte su Crowdarts la prima campagna internazionale di crowdfunding sull’opera letteraria di John Williams “Stoner“.
Fino al 30 luglio sarà possibile contribuire alla produzione di una mostra ispirata al romanzo che avrà la sua prima nazionale al #FLA Pescara Festival (dal 10 al 13 novembre 2016).
Nel frattempo è già possibile dare il proprio contributo acquistando i segnalibro d’artista firmati e numerati in molte librerie testimonial, tra le quali Libreria Nuova Avventura e Il Mulino dei libri.

“Stoner” di John Williams è un caso letterario che ha appassionato migliaia di lettori nel mondo. La biografia di un anonimo professore universitario che a cavallo tra la prima e la seconda guerra mondiale affronta i drammi e le passione di una vita ‘normale’.

È un libro che racconta lo scorrere del tempo come un insieme di episodi epici nella banale naturalezza del loro evolversi.

Nel corso del 2013 il romanzo di John Williams è diventato un bestseller in Italia, Inghilterra, Olanda, Francia, Spagna, Israele e poi negli Stati Uniti; definito sul New York Times da Morris Dickstein “Il romanzo perfetto”, oggi è considerato un classico, l’altro filone letterario americano che si contrappone al genere del “Grande Gatsby”.

Stoner è il compendio della vita di tutti, ti trascina dentro le sue pagine perché racconta forza e debolezze di ciascuno di noi, ti attorciglia le budella perché è anche, un po’, la nostra biografia.

Per questa ragione il romanzo ha una community fortissima in tutto il mondo che, attraverso il crowdfunding, può diventare co-produttore della mostra. In questo sta la forza del progetto: la volontà di creare un’esposizione ‘emotiva’, intimistica ed immersiva dentro le pagine del romanzo, di dare forma a un sentire condiviso non solo dai curatori e dagli artisti, ma anche dal pubblico di Stoner.

Titolo della mostra “STONER. Landing Pages
Progetto a cura di Cinzia Compalati e Andrea Zanetti
con gli artisti (e i loro personaggi)
Mauro Fiorese – (Finch)
Roberta Montaruli – (Katherine)
Stefano Lanzardo – (Stoner)
Eleonora Roaro – (Edith)
Giuliano Tomaino – (padre di Stoner)
Zino – (Lomax)
Installazione musicale di Jacopo Simoncini

Info su YAB e naturalmente, a partire dal 15 giugno, su Crowdarts

Tags: , , ,

Category: Arte contemporanea, Artisti, Comunicazione, Crowdfunding, Eventi, Iniziative, Libri, Romanzi | RSS 2.0 | Give a Comment | trackback

No Comments

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

  • Idranet

    Informazione e cultura
    design arte musica cinema letteratura

  • CERCA

  • Pubblicità

    Sergio Chierici Movie Passion

  • CATEGORIE

  • ARCHIVI

  • Social

  • PARTNERS