Sanguepazzo, di Marco Tullio Giordana

sanguepazzo_fm.jpg

L’ultimo film di Marco Tullio Giordana racconta l’arte e la vita di due personaggi del cinema fascista: Luisa Ferida e Osvaldo Valenti.
Con la disfatta fascista i due, che avevano aderito alla Repubblica di Salò, vennero fucilati il 30 aprile 1945 dai partigiani, poichè accusati di collaborazionismo col regime mussoliniano.

Proprio oggi il film è stato presentato, fuori concorso, nella “Sezione Speciale” al Festival di Cannes.
La pellicola, prodotta per la tv da Angelo Barbagallo, è interpretata da Luca Zingaretti e Monica Bellucci, rispettivamente Osvaldo e Luisa, e da Alessio Boni, terzo elemento del triangolo amoroso che Giordana costruisce sullo sfondo politico dell’epoca.
Insieme a loro c’è anche Desy, amante di un temuto fascista, noto per le torture che infliggeva nella sua vita ai partigiani sui quali riusciva a mettere gli artigli. Interpretata da Lavinia Longhi, è protagonista nella pellicola di una scena lesbo in cui bacia la Bellucci.

One thought on “Sanguepazzo, di Marco Tullio Giordana

Lascia un commento